ITA | ENG
10 ottobre 2016

5 motivi per mangiare le cipolle: i nostri consigli

Contro la cellulite, i disturbi respiratori e altri piccoli problemi… provate le cipolle. E contro l’alito cattivo esistono alcuni rimedi naturali

Mangiare cipolle fa bene alla salute

C’è chi le ama e non ne farebbe mai a meno, chi invece storce ancora il naso temendo qualche effetto collaterale per l’alito e la digestione. La verità è che mangiare cipolle fa bene ai reni, all’apparato respiratorio… e non solo. Ecco i nostri consigli di benessere in 5 punti e un rimedio per eliminare il sapore di cipolla dalla bocca.

1. La cipolla è utile in caso di cellulite
Depura il sangue e la linfa ed è ricca di iodio, che agisce sul sistema linfatico e ghiandolare

2. La cipolla è diuretica e depurativa
La cipolla è “alcalinizzante” e favorisce l’eliminazione per via renale di acido urico e liquidi. In particolare, la cipolla cruda giova nella affezioni renali e urinarie

3. La cipolla è un antibatterico naturale
Protegge dai mali di stagione e stimola le difese immunitarie Ricca di vitamina C e sali minerali, può essere efficace contro tosse, bronchiti e raffreddori… Provate ad attaccare i malanni con un decotto a base di cipolle: basta far bollire 2-3 cipolle in una pentola d’acqua per 15 minuti, quindi filtrare.

4. La cipolla è alleata dei diabetici
Funge da ipoglicemizzante, ovvero abbassa il livello di glucosio nel sangue e permette di ridurre le dosi di insulina per chi ne fa uso. Quindi può essere inserita nella dieta dei diabetici!

5. La cipolla ha effetti afrodisiaci
Pare abbia la capacità di aumentare la libido e rinforzare la virilità maschile… provare per credere! La ricetta popolare consiglia di schiacciare una cipolla e friggerla con burro, quindi mangiarla a stomaco vuoto insieme a un cucchiaio di miele.

E se questi 5 consigli non bastano a chi teme le conseguenze sull’alito, allora vi consigliamo qualche rimedio naturale per evitare questo effetto collaterale. Se volete eliminare il sapore di cipolla dalla bocca, masticate due chicchi di caffè e bevete un bicchiere di latte, oppure mangiate del prezzemolo, dei semi di anice o dei chiodi di garofano. A volte può bastare anche soltanto una mela.