ITA | ENG

Insalata di cavolo cappuccio, verza e Scalogno dell’Emilia

Questa semplice e saporita ricetta è la prova che anche nei mesi più freddi dell'anno si possono gustare fantasiose e coloratissime insalate. Merito degli ingredienti di stagione e del gusto unico dello Scalogno dell'Emilia

  • Gluten freesi
  • Veganno
  • Portatacontorno
  • DifficoltàSemplice
  • Tempo20 minuti
  • Persone4
  • Gluten freesi
  • Veganno
  • Coursecontorno
  • Level of difficultySemplice
  • Preparation time20 minuti
  • Serving4
Insalata di cavolo cappuccio, verza e Scalogno dell'Emilia

Ingredienti per 4 persone

  • 150 g di Scalogno dell’Emilia
  • 150 g di cavolo cappuccio
  • 150 g di cavolo verza viola
  • 70 g di alici sott’olio
  • 40 ml di aceto di vino rosso
  • 40 g di nocciole tostate
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo
  • olio extravergine d’oliva
  • 1/2 cucchiaino di sale grosso
  • sale e pepe

E chi l’ha detto che in inverno non si possono portare in tavola gustose e coloratissime insalate? Nell’Insalata di cavolo cappuccio, verza e Scalogno dell’Emilia il principe degli ortaggi invernali incontra il sapore delicato e aromatico del nostro “cavaliere senza macchia”. Scopriamo subito come prepararla!

Procedimento

Per prima cosa, sbucciate lo Scalogno dell’Emilia. Fate scaldare in un tegame circa 500 ml di acqua con 1/2 cucchiaio di sale grosso e l’aceto di vino: a ebollizione raggiunta, aggiungete lo scalogno, lessatelo per 5/6 minuti, quindi scolatelo, trasferitelo in una ciotola e lasciatelo intiepidire.

Nel frattempo, tagliate finemente il cavolo cappuccio e il cavolo verza viola, metteteli in una ciotola, unite i filetti di alici, lo scalogno tagliato a spicchi, le nocciole tostate, i semi di sesamo.

Condite con olio extravergine d’oliva. Se necessario, aggiungete un pizzico di sale: vista la presenza delle alici, vi consigliamo di assaggiare l’insalata prima di salare. Completate la preparazione con una grattata di pepe e servite subito l’Insalata di cavolo cappuccio, verza e Scalogno dell’Emilia!

A cura di Daniela Tornato, blogger di Smile, Beauty and More